DART - SISTEMA DI DIFESA PLANETARIO

Il primo obbiettivo è Didymos B

di Francesco Palladino

A quante catastrofi la cinematografia ci ha abituato? Moltissime. Fra tutte la possibilità che un asteroide si schianti sun nostro Pianeta azzurro è di certo la più sconfortante, già solo per l'impossibilità da parte nostra di contrastare un simile evento. Questo fino a qualche tempo fa, oggi la NASA presenta DART il sistema di difesa planetaria che scongiurerà all'umanità "la fine del topo-sauro". Il doppio test di reindirizzamento degli asteroidi (DART) - E' in assoluto la prima missione della NASA per dimostrare una tecnica di difesa planetaria che verrà testata sulla piccola luna nel sistema di asteroidi binari Didimo, nello specifico un asteroide binario costituito da una piccola luna (Didymos B) in orbita attorno a un corpo più grande (Didymos A). L'asteroide in questione non rappresenta affatto una minaccia per la Terra, ma è un bersaglio ideale per il test.

Il lavoro sta dilagando al Johns Hopkins Applied Physics Laboratory di Laurel, nel Maryland, e in altre località in tutti gli USA, mentre si progetta il lancio della missione nell'estate del 2021,dando il via alle prove generali di ciò che finora abbiamo visto solo nei film di fantascienza.  

Per studiare la navicella DART, sul bersaglio desiderato, gli scienziati devono capire come si comporta il sistema. Gli studiosi hanno osservato Didymos dalla Terra sin dal 2015 e ora una campagna internazionale coordinata da Cristina Thomas - Osservatorio del gruppo di lavoro DART del Northern Arizona University, -sta usando potenti telescopi collocati in tutto il Globo, per capire lo stato del sistema di asteroidi prima che DART lo raggiunga. Le osservazioni attuali aiuteranno i ricercatori a capire meglio l'entità dell'impatto che si andrà a creare quando DART, colpirà il bersaglio ( Didymos B ) nel settembre del 2022.

La più recente campagna di osservazione si è svolta a Cerro Paranal, nel nord del Cile, dove gli scienziati hanno visionato Didimo utilizzando il Very Large Telescope, gestito dall'European Southern Observatory.

Il "VLT" comprende quattro telescopi, ciascuno con specchi di 8,2 metri; due di questi sono stati utilizzati nelle recenti osservazioni.

"Il sistema Didymos è troppo piccolo e troppo lontano per essere visto come qualcosa di più di un punto di luce, ma possiamo ottenere i dati di cui abbiamo bisogno misurando la luminosità di quel punto di luce, che cambia mentre Didymos A ruota e Didymos B orbita ", Ha dichiarato Andy Rivkin, team di investigatori DART di APL, che ha partecipato alle osservazioni.

I cambiamenti di luminosità indicano quando la luna più piccola, Didymos B, passa davanti o è nascosta dietro Didymos A, dal nostro punto di vista. Queste osservazioni aiuteranno gli scienziati a determinare la posizione di Didymos B su Didymos A e ad informare il momento esatto dell'impatto di DART per massimizzare la deflessione.

La squadra investigativa osserverà nuovamente Didymos dalla fine del 2020 verso la primavera del 2021. Le osservazioni finali a terra si verificheranno quando la navicella spaziale si dirigerà verso l'asteroide, così come dopo l'impatto.

Le osservazioni del telescopio sono fondamentali per comprendere Didymos, ma non sono abbastanza per comprendere pienamente Didymos B, l'obiettivo di DART.

"Anche se stiamo eseguendo osservazioni a terra, non sappiamo molto su Didymos B in termini di composizione e struttura", ha detto Angela Stickle, Impact Simulation Working Group Lead di DART di APL. "Abbiamo bisogno di anticipare una vasta gamma di possibilità e prevedere i loro risultati, in modo che dopo DART sbatta su Didymos B sapremo cosa ci dicono le nostre misurazioni."

La struttura è essenziale per l'equazione; a Didymos, i ricercatori non sono sicuri se DART impatterà su un asteroide composto da roccia solida, macerie sciolte o qualcosa di "più morbido", più simile alla sabbia.

L'ampio modeling e le simulazioni, sono parte di una grande campagna internazionale iniziata nel 2014,  svolta in collaborazione con Lawrence Livermore National Laboratory e altri membri del team investigativo per aiutare i ricercatori a prevedere cosa accadrà all'obiettivo di DART dopo l'impatto.

I ricercatori avranno la possibilità di vedere il sistema di asteroidi Didymos in primo piano, anche se brevemente, grazie all'imagerizzatore DRACO di bordo di DART e ad una corsa programmata lungo CubeSat, la LICIACube dell'Agenzia spaziale italiana.

DRACO (Didymos Reconnaissance and Asteroid Camera for Op-nav) è lo strumento di bordo di DART. Servirà principalmente come sistema di navigazione ottica di DART, catturando immagini che aiutano il veicolo spaziale a raggiungere il suo obiettivo.

DRACO alimenterà le sue immagini nell'Algoritmo di Navigazione autonoma in tempo reale (SMART Nav) per la manovra di piccolo corpo sviluppato da APL - il sistema che, nelle ore finali dell'astronave, guiderà DART in Didymos B. in modo preciso e automatico. SMART Nav si sta preparando a sottoporsi a una serie di test o

SMART Nav si sta preparando ad una serie di test su un avionica di veicoli spaziali simulata. Gran parte del lavoro su DART finora è stato il modeling e la simulazione, ma ora molte parti della navicella spaziale hanno iniziato a prendere forma.

Un mock-up su larga scala di DART ora funge da segnaposto per l'assemblaggio di cavi e connettori, che alla fine costituiranno il cablaggio. La missione ha firmato la produzione di diversi componenti hardware di volo, in particolare gli array solari della nave spaziale, che hanno superato la fase critica di revisione del progetto, nonché l'elettronica dei sistemi radio e di alimentazione.

In un recente cambiamento di progettazione, DART sarà ora in grado di completare la propria missione basandosi su piccoli propulsori di idrazina oltre ad avere la possibilità di utilizzare il sistema di propulsione elettrica, il motore ionico Evolutionary Xenon Thruster Commercial (NEXT-C) della NASA, che sarà anche la spinta della finestra di lancio principale a luglio del 2021, riducendo il tempo di volo della missione.

"Per una missione che si basa su una sola possibilità, è una mossa che fornirà a DART più opzioni per garantire che raggiunga il suo livello", ha dichiarato Ed Reynolds, project manager di DART presso l'APL.

fonte: Johns Hopkins Applied Physics Laboratory